Quale è la tua meta?

Cerca il luogo che ti interessa e, se ci sono stata, sarò felice di aiutarti!

Ogni cento metri il mondo cambia: destinazione Marocco

Ho appena scritto il titolo e non mi sembra possibile.
Stiamo per partire. Per il Marocco!
Il Marocco ha sempre stuzzicato la mia fantasia, non è mai stato nella lista de “l’ho sempre sognato” ma, ogni tanto faceva capolino nei miei pensieri.
Sono incuriosita dalla meravigliosa e colorata architettura marocchina, un misto tra araba e andalusa, da Marrakech e solo a pronunciare il suo nome vado in fibrillazione; sono curiosa di vedere un souk, perdermi – letteralmente – nelle medine, provare il tajine e la tanjia (piatto tipico di Marrakech). Non vedo l’ora di dormire sotto un tappeto di stelle nel deserto del Merzouga, provare il sandboarding (scommettiamo su quanta sabbia mangerò?), vedere l’alba da una duna e sentire la sabbia fredda della mattina sotto i piedi… sì, io la immagino fredda!
Visitare le città imperiali, Fez e Meknes, due gioiellini, a quanto pare, un po’ più autentici dell’ormai famosa e turistica Marrakech.
Ah e dormire nei riad!!! Abbiamo prenotato solo alcuni alloggi per questo viaggio e si tratta di riad, un’antica abitazione tradizionale marocchina.
Ultima ma non meno importante: Chefchaouen! La perla blu del Marocco, ma blu nel vero senso della parola, la medina di questa cittadina è stata completamente verniciata con un azzurro brillante che, al solo pensiero, mi fa girare la testa per la felicità! Io, in mezzo a tutto quel blu!

Il Marocco sarà il nostro primo vero e proprio viaggio on the road,  avremo una macchina tutta nostra e così potremo assecondare i nostri desideri, i nostri tempi, potremo farci (leggi Alessia e non Mario) le nostre cantate a squarciagola, fermarci ogni 100 metri, perché proprio come dice il titolo il mondo cambia, a scattare fotografie e assaporare quegli istanti. Da Marrakech saliremo verso nord, attraversando la parte orientale del paese, fino a Fez dove avremo il volo di ritorno. Un volo che non ci porterà direttamente in Italia ma… a Barcellona!
Abbiamo trasformato uno scalo di poche ore in una due giorni per scoprire la principale città catalana; per me sarà un felice ritorno, per Mario una felice scoperta.

Ma io, come sto?
Per quanto desideri visitare il Marocco, sono in ansia (ma va?). Non per paura, non perché penso di non essere al sicuro, è una sensazione strana che mi accompagna prima di ogni viaggio. Questa volta di più! Non abbiamo tutti gli alloggi, nemmeno per l’unica notte a Barcellona, abbiamo prenotato l’auto solo pochi giorni fa, partiremo solo con il bagaglio a mano e non so se riuscirò a contenermi, abbiamo rischiato che Ryanair ci cancellasse i voli e avevamo già pensato un piano B e C. Sappiamo esattamente cosa vorremmo vedere e, allo stesso tempo, non so cosa aspettarmi!
Breve – ma non proprio – storia di una ragazza in ansia pre-viaggio.

Io sono curiosissima, e voi? Potete seguirci sui nostri social in diretta

Facebook: Nata per Viaggiare
Instagram: @alessiamusella

Salam Alekum amici!

LEAVE A COMMENT

Rispondi