Quale è la tua meta?

Cerca il luogo che ti interessa e, se ci sono stata, sarò felice di aiutarti!

La terra dei trifogli: l’Irlanda

Quando al quarto anno di superiori mi hanno detto che avrei avuto nuovamente la possibilità di partecipare ad una vacanza-studio, mai avrei immaginato che questa nuova avventura mi avrebbe portata in Irlanda 😉 – la prima esperienza in vacanza studio è speciale, la racconterò in un secondo momento.

P7266941
L’adrenalina era a mille e, dopo corsi di preparazione e settimane che sembrava non volessero passare, arriva il giorno della partenza.
Non ero mai stata in Irlanda ma avevo sentito dire che lì il cielo è diverso e gli immensi prati verdi fossero più verdi dei nostri.

La Mannoia dice che il cielo d’Irlanda “ti annega di verde e ti copre di blu”. Ed è proprio così!
Queste parole sono diventate vere per me quando ho visitato le Cliffs of Moher.
Distesa su un letto verde e coperta dall’immenso cielo blu!

DSC_4732
Ciò che rimane nel cuore dell’Irlanda sono sicuramente i colori.

Il verde dei prati ed il blu del cielo. Una volta lasciata quella terra questi colori non sembreranno più stessi e tutto sembrerà aver perso colore.

L’amavo ancor prima di partire ma, sentire suonare la propria musica da un irlandese, è tutt’altra cosa! In ogni strada delle città non mancano artisti di strada: ballano, fanno spettacoli ma soprattutto suonano. La musica ti travolge e non può fare altro che lasciarti andare. Si, mi sono ritrovata a ballare musica irlandese per le strade di Dublino a Temple Bar!

DSC_4040
Stare a contatto con gli irlandesi – molto più friendly degli inglesi – 24 ore su 24 per 3 settimane, mi ha aiutata ad amare ancor di più questa terra.
Nella serata dedicata alla loro meravigliosa musica ci hanno insegnato i loro balli – avrei voluto, ma purtroppo non ho ballato! Dovrò rifarmi.

L’ultimo giorno di lezione si sono scambiati i ruoli: noi siamo diventati gli insegnanti e Ian (il nostro tutor) l’allievo. Cinque ore di lezioni di italiano. Ian credeva gli potesse essere utile dato il suo imminente trasferimento in Spagna.
Non sono mancate le lezioni di irlandese, completamente diverso dall’inglese!
Al termine delle tre settimane ci è risultato difficile dire “arrivederci” anche al personale della mensa che, tra un “This or that?” “What’s this?”, ci ha voluto bene.

DSC_5292
E’ a questo che servono le vacanze-studio, non è al pari di un gemellaggio, ma lo considero un “exchange” di culture e informazioni.
Gli irlandesi sono estroversi, sono friendly, sono tutto ciò che non ci aspettiamo.
Abitano in un luogo così freddo eppure hanno un cuore così caldo.

Slán agat! Arrivederci al prossimo articolo!
firma

8 Comments

  • narrabondo

    L’Irlanda, il mio primo viaggio da solo. E’ arrivato il momento di tornarci.
    https://narrabondo.wordpress.com

    3 marzo 2015 at 1:00 AM
  • Serena (Black Cat Souvenirs)

    Ecco un altro posto che ho tanto sognato e che mi è rimasto nel cuore!
    I colori, certo. Quel verde così intenso da sembrare “finto”, ma non è finto, è verissimo e magico. E quel blu, quel cielo mozzafiato.
    La pace, la magia, e il suono della musica celtica di sottofondo.
    Che meraviglia…
    L’Irlanda è uno di quei posti che parlano direttamente all’anima…

    14 luglio 2015 at 10:51 AM
    • Alessia - Nata per Viaggiare

      Quei colori, mai visti prima! Ma noi viaggiatori non saremo un po’ esagerati nel raccontare ciò che vediamo? 🙂 per me l’Irlanda è magia e legende e, ovviamente, un altro frammento di cuore è stato lasciato anche qui!

      14 luglio 2015 at 11:10 AM
  • Roberta

    Sono completamente d’accordo con te! I colori e il cielo sono diversi.. brillanti! Ho fatto il giro dell’isola in auto questa estate e me ne sono innamorata. Gli irlandesi, poi, sono uno spasso 😀

    12 ottobre 2016 at 1:56 PM
    • Alessia - Nata per Viaggiare
      Alessia Musella

      Wow!! In auto, è un piccolo grande sogno. Deve essere stato fantastico! 😀

      12 ottobre 2016 at 3:18 PM
LEAVE A COMMENT

Rispondi