Quale è la tua meta?

Cerca il luogo che ti interessa e, se ci sono stata, sarò felice di aiutarti!

GarganoNatour #1: lago di Varano e dintorni

Spesso si pensa che il Gargano sia, esclusivamente, una meta estiva. Niente di più sbagliato! Il Gargano, come tutta la Puglia, è una regione da visitare 365 giorni l’anno. La scorsa domenica ho conosciuto luoghi di cui ignoravo l’esistenza e luoghi che volevo visitare da tempo. Un giornata immersa nella natura e nella storia del Gargano, da Torre Mileto al Lago di Varano.

Mi rimprovero spesso di non conoscere abbastanza la terra in cui vivo e, altrettante volte, penso sia – anche – perché non ho i nonni originari di questi luoghi, con i loro racconti, le loro leggende e le esperienze. Ma ci sto provando, mi sto impegnando e ogni occasione è buona per partire e conoscere.
Questa volta, devo dire grazie a due (giovani) persone speciali, i quali hanno portato sul Gargano qualcosa che prima non c’era: un’intera giornata immersi nei luoghi meno conosciuti del promontorio tra storia e nozioni di fotografia.

Chi sono e cosa hanno fatto?

Sono Giuseppe Bruno, fotografo paesaggista e amico di scuola/fotografia, e Domenico Sergio Antonucci, guida turistica e blogger garganico; hanno ideato il Gargano NaTour: “l’occasione di conoscere nuovi luoghi, di migliorare il proprio approccio alla fotografia di paesaggio (concetti teorici e pratici) e soprattutto di ritrovare il contatto con la natura.” dicono loro. Sono speciali, lo sono perché sono giovani e intraprendenti!

La prima uscita del #GarganoNatour si è svolta nella zona del Lago di Varano.

Ex Idroscalo militare “Ivo Monti”

Lo ammetto, questo idroscalo abbandonato è stato uno delle cause principali per le quali ho partecipato al tour. Ne ho sentito parlare spesso, forse troppo per essere un luogo abbandonato a se stesso e alla storia che porta alle spalle, eppure non si riesce a valorizzare la sua importanza.
L’idroscalo, dedicato al pilota Ivo Monti, risale alla prima guerra mondiale e fu costruito sulle sponde del lago data la sua vicinanza alle zone di guerra. Negli anni che vanno tra le due guerre, l’idroscalo oscillava tra momenti di attività e momenti di stallo. Dopodiché il sito perde completamente valore e, fino ad oggi, versa in totale abbandono e trascuratezza. Le uniche presenze all’interno dell’area (ancora militare) sono le mucche che giornalmente pascolano.

Chiesa di Santa Barbara

Poco distante dall’ingresso dell’idroscalo – praticamente sul lato opposto della strada – c’è la Chiesa di Santa Barbara. Sembra che la chiesa sia stata costruita contemporaneamente all’idroscalo (negli anni ’20) per permettere ai militari ed ai civili presenti nell’area di partecipare al culto religioso. Anche la chiesa, come lo scalo, è abbandonata e gli unici “frequentatori” sono i tori e le mucche al pascolo.

Torre Mileto

In agro di San Nicandro Garganico, si trova Torre Mileto – dalla quale prende il nome l’omonima stazione balneare. La torre originaria risale al 1200 (la struttura attuale è del XVI secolo)  ed è stata costruita per volere dei d’Angiò, con lo scopo di vigilare le incursioni nemiche provenienti dal mare.
Il punto in cui si trova la torre è anche il più vicino alle Isole Tremiti (soli 11 miglia), facilmente visibili quando c’è poca foschia. Inoltre, lontano dalla costa, è installato uno dei più grandi allevamenti di cozze d’Europa e, se si ha un po’ di tempo a disposizione, non è difficile avvistare i delfini.

Monte Devio (o d’Elio)

Il monte Devio (o anche d’Elio), tra i laghi di Varano e di Lesina, da il nome all’omonimo parco archeologico; nel 2008 sono iniziati gli scavi che hanno portato alla luce l’antica città di Devia di origini slave. All’interno del sito si trovano una chiesa, nella quale è stata trovata un’incisione della Triplice Cinta Sacra (uno dei simboli templari) legati a Santa Maria di Fassano e un gioiellino del romanico pugliese perfettamente intatto: la Chiesa di Santa Maria di Devia.


Questa è solo la prima delle numerose escursioni che i ragazzi di GarganoNatour organizzeranno. Se vuoi rimanere aggiornato riguardo le prossime e avere maggiori informazioni, segui la pagina Facebook “GarganoNatour“.

LEAVE A COMMENT

Rispondi