Quale è la tua meta?

Cerca il luogo che ti interessa e, se ci sono stata, sarò felice di aiutarti!

Libando

Libando e la sua breve – ma intensa – magia!

Sono reduce da 3 giorni di full immersion di cibo, musica, show di cucina. Detto così potreste pensare “Cosa sarà mai?” e non vi darei torto.
Eppure in questi giorni di Libando io ho investito ogni forza che il mio corpo e la mia mente potessero generare. Certo, il mio telefono e la connessione internet mi hanno abbandonato in un momento in cui non avrebbero dovuto, ma sono felice di come questi ultimi giorni siano trascorsi.

Per molte persone – foggiani compresi – Libando potrebbe non valere nulla ma quando si conoscono le persone che credono in questo evento e impiegano tutte le loro forze per far si che tutto vada nel verso giusto… le cose cambiano!
Questo evento è significato tante cose per me: nuovi incontri, il mio mettermi in gioco in qualcosa in cui credevo e credo tutt’ora, scoperta di nuovi sapori e riconoscere che in fondo la mia città mi piace.

DSC_1133

Foggia. Ho un rapporto di amore/odio con la mia città, mi sono sempre definita più napoletana che foggiana e quando mi veniva chiesto dove abitassi spesso lo pronunciavo a denti stretti.
Sto imparando. Sto imparando ad amare la mia città, Libando è stato come un primo appuntamento e spero davvero ce ne siano molti altri.

Tutte le persone dietro questo evento credono in Foggia e nelle sue potenzialità – me compresa, che scrivo con gli occhi lucidi. Partecipare alla conferenza stampa mi ha permesso di ascoltare parole che avrei voluto sentire da tempo: Foggia è ben oltre la mafia, le rapine e la piccola delinquenza. Foggia può!
Ogni città ha i propri problemi ma se solo provassimo a circondarci da cose belle, vedremmo meno marcio.

Libando è stata una cosa bella. Il tempo è volato e sono qui a chiedermi se è stato tutto vero.
La città, il centro storico sono state VIVE per tre giorni ed ora è tutto finito.
Domenica passeggiavo tra gli stand e già pensavo che dopo poco tempo, quelle stesse piazze, sarebbero state nuovamente vuote.
Sì, c’è molta nostalgia in me: dei profumi, delle persone, dei sorrisi, della musica, delle risate. Della felicità respirata in quei giorni.

DSC_1179

Ma ogni emozione bisogna trasformarla in qualcosa di buono, no?
Prestissimo sarò operativa con un mio personalissimo progetto che ho a cuore sin da quando ho aperto il blog. Proverò a mostrarvi la mia #PugliaSegreta, quella parte di Puglia che spesso non conoscono nemmeno le persone del posto… quella autentica, rustica e senza alcun tipo di alterazione da parte dell’uomo per farla apparire più bella. Ma questa… è un’altra storia!

2 Comments

  • valentina

    Sembra un bell’evento 🙂 alla fine le sagre e le feste sono la cosa che più mi piace delle varie località italiane 🙂
    e aspetto di scoprire la tua Puglia segreta *-*

    19 aprile 2016 at 1:47 PM
    • Alessia - Nata per Viaggiare
      Alessia Musella

      Un bellissimo evento che sta donando molto ad una città che non gode di una ottima reputazione. Prestissimo scoprirai qualche chicca allora 😉 un abbraccio!

      19 aprile 2016 at 5:28 PM
LEAVE A COMMENT

Rispondi